Reclami
 

I reclami indirizzati a Eurizon Capital SGR S.p.A. o a Eurizon Capital Real Asset SGR S.p.A. (di seguito anche singolarmente la “SGR”) possono essere inoltrati in forma scritta alla Società:
- tramite posta ordinaria: Ufficio Reclami - Piazzetta Giordano dell'Amore 3 - 20121 Milano;
- tramite fax al numero 02.8810.2081;
- attraverso la sezione Contatti del sito internet;
- tramite posta elettronica certificata (PEC) di Eurizon Capital SGR S.p.A. (direzioneeurizoncapitalsgr@pec.intesasanpaolo.com) o di Eurizon Capital Real Asset SGR S.p.A. (direzioneeurizonrealasset@pec.intesasanpaolo.com).
I reclami possono pervenire alla Società anche per il tramite dei soggetti collocatori/distributori.

La trattazione dei reclami è affidata alla funzione Compliance & AML delle rispettive Società nell'ambito di un processo al quale partecipano una pluralità di strutture, in modo da garantire un esame articolato della problematica emergente dal reclamo. La Società tratta i reclami ricevuti con la massima diligenza, anche alla luce degli orientamenti desumibili dalle decisioni assunte dall’Arbitro per le controversie finanziarie presso la CONSOB, comunicando per iscritto all'Investitore le proprie determinazioni entro il termine di sessanta giorni dal ricevimento del reclamo stesso. I dati e le informazioni concernenti i reclami sono conservati nel Registro dei reclami istituito dalla Società in conformità alla normativa legislativa e regolamentare tempo per tempo vigente. Le relazioni periodiche della funzione Compliance & AML indirizzate agli Organi Sociali riportano la situazione complessiva dei reclami ricevuti. 

La SGR assicura la gratuità per l’Investitore dell’interazione con la funzione preposta alla gestione dei reclami, fatte salve le spese, i costi e gli oneri normalmente connessi al mezzo di comunicazione adottato nonché le spese, i costi e gli oneri contrattualmente previsti per la produzione e invio di documentazione quale, a titolo esemplificativo, l’eventuale copia di rendiconti arretrati.  

Restano fermi i diritti e le garanzie previsti dal Regolamento (UE) 2016/679 del 27 aprile 2016 in materia di protezione dei dati personali.

Dopo aver presentato un reclamo, se insoddisfatto dell’esito o se dopo 60 giorni dalla ricezione da parte della Società non ha ricevuto risposta, l'Investitore può rivolgersi all’Arbitro per le controversie finanziarie presso la CONSOB (di seguito l’“Arbitro”), entro un anno dalla presentazione del reclamo. Possono essere sottoposte all’Arbitro le controversie in merito all'osservanza da parte della Società degli obblighi di diligenza, informazione, correttezza e trasparenza previsti a tutela degli Investitori nella prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio nonché del servizio di gestione di portafogli. Restano escluse: (i) le controversie di valore superiore a Euro 500.000; (ii) le controversie che hanno ad oggetto danni che non sono conseguenza diretta e immediata dell’inadempimento o della violazione da parte della Società dei predetti obblighi di diligenza, informazione, correttezza e trasparenza; (iii) le controversie che hanno ad oggetto danni di natura non patrimoniale. Il diritto di ricorrere all’Arbitro non può formare oggetto di rinuncia da parte degli Investitori e sarà sempre esercitabile, anche in presenza di clausole di devoluzione delle controversie ad altri organismi di risoluzione extragiudiziale contenute nei contratti sottoscritti dagli Investitori con la Società. Le informazioni riguardanti l’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) sono disponibili sul sito www.consob.it - sezione ACF. In alternativa l’Investitore potrà rivolgersi ad altro organismo specializzato iscritto nell'apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia. L'elenco degli organismi di mediazione è disponibile sul sito www.giustizia.it.

Esclusivamente nel caso in cui i prodotti/servizi offerti dalla SGR siano stati collocati mediante un sito web, in caso di controversie extragiudiziali, l'Investitore ha a disposizione una piattaforma sviluppata, gestita e manutenuta dalla Commissione europea, che agevola la risoluzione extragiudiziale delle controversie online tra consumatori e professionisti. Tale piattaforma - accessibile al seguente link: https://ec.europa.eu/consumers/odr/ - consiste in un sito web interattivo, redatto anche in lingua italiana, che offre un accesso elettronico e gratuito e consente alle Parti di condurre online la procedura di risoluzione della controversia. Tale piattaforma mette altresì a disposizione l'elenco degli organismi di risoluzione extragiudiziale delle controversie (ivi compreso l'Arbitro) tra i quali le Parti potranno di comune accordo individuare l'organismo a cui demandare la risoluzione della controversia. Tale piattaforma è stata istituita dal Regolamento UE n. 524/2013, c.d. Regolamento sull'ODR per i consumatori.

Questo sito consente l’invio di cookie c.d. analitici di “terze parti” per garantirne il funzionamento tecnico e per analizzare le visite al sito stesso in modo aggregato. Chiudendo questo banner o cliccando su un qualunque elemento della pagina web si accetta l’utilizzo di tali cookie. E’ possibile consultare l'informativa al riguardo per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie