Titoli di Stato: la Cina può essere il nuovo bene rifugio
13.12.2019

I titoli di stato Cinesi, che attualmente non sono considerati un bene rifugio, potrebbero in futuro essere paragonati a quelli dei paesi ad alta affidabilità creditizia, come Germania e Stati Uniti.Lo dice un articolo di 24 Plus (Sole 24 Ore), che recepisce le dichiarazioni del CEO di Eurizon SLJ Capital, Stephen Li Jen.
L’apertura ai capitali esteri della Cina è stato un fattore d’attrazione notevole. Soprattutto alla luce dell’elevato ritorno di investimento garantito da questa tipologia di titoli: circa il 6 per cento annuo dal 2014 ad oggi, dietro solo a Indonesia e Brasile. Un ritorno insomma da Paese emergente (che la Cina oggi è, del resto, nonostante sia la seconda economia mondiale), ma questo elevato livello di rendimento non si è associato ad altre caratteristiche più negative degli emerging bond in valuta locale, come l’elevata volatilità o la tendenza a sottoperformare nelle fasi di mercato più difficili. «I bond cinesi hanno consegnato rendimenti da Paese emergente con un profilo di rischio da Paese sviluppato» spiega Stephen Li Jen che mette in luce in particolare la ridotta volatilità di questa categoria di titoli e la tendenza a mettere a segno buone performance in contesti di mercato difficili. «Se considero i titoli di Stato cinesi come un bene rifugio - spiega il gestore - è perché in passato questa asset class si è comportata come tale nelle fasi di stress». Lo dicono i numeri: tra il terzo trimestre 2007 e il terzo trimestre 2009, in piena crisi Lehman, i governativi cinesi hanno garantito un ritorno di investimento in euro del 24 per cento. Più dell’oro (+16%) e dei Treasuries (+12%). Durante la crisi dei debiti sovrani dell’Eurozona +17%. + 26% tra il 2014 e il 2017 con parte dei mercati emergenti nel pieno di una speculazione ribassista, + 9% nel 2018, annata caratterizzata da rendimenti negativi su gran parte delle asset class.

 

“Titoli di Stato, perché la Cina può diventare il nuovo bene rifugio” – 24 Plus (Sole 24 Ore), 13 dicembre 2019

 

Questo sito consente l’invio di cookie c.d. analitici di “terze parti” per garantirne il funzionamento tecnico e per analizzare le visite al sito stesso in modo aggregato. Chiudendo questo banner o cliccando su un qualunque elemento della pagina web si accetta l’utilizzo di tali cookie. E’ possibile consultare l'informativa al riguardo per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie